Blog

Lug 8

unnamed

‘Sono pronto a rientrare in gara dopo il lungo stop causato dall’infortunio di inizio anno. – ha commentato Daniel – La condizione è buona ma non ancora ideale a competere ad alti livelli; ho comunque bisogno di testare il tendine in gara per vedere quale può essere la risposta sollecitandolo in modo deciso.
Ho scelto l’olimpico di Iseo del 19 luglio prossimo perché ne amo il percorso e soprattutto conosco l’affidabilità organizzativa del team di EcoRace; sono certo che loro sapranno gestire la gara in modo da garantire a noi atleti la migliore delle condizioni per gareggiare in sicurezza’.

È lontano dalle scene agonistiche da febbraio Daniel, quando ha preferito non terminare l’half Ironman Brasilia a causa di un serio infortunio a carico del tendine d’Achille.
Proprio quell’infortunio ha obbligato Daniel e il suo staff a rettificare i piani agonistici stabiliti a inizio anno, seguendo le indicazioni del Dott. Benazzo, a capo dello staff medico che segue il Campione italo-argentino di DDS Triathlon Team, che ha suggerito una differente distribuzione dei carichi di lavoro e lo spostamento dell’attenzione sulle gare della seconda metà della stagione.

A febbraio con Simone Diamantini, il mio coach e Luca Sacchi, Presidente di DDS oltre che campione di grande esperienza, abbiamo accolto i suggerimenti del Dott. Benazzo e del Dott. Tavana e abbiamo annullato gli appuntamenti agonistici programmati.
Abbiamo utilizzato questo periodo di stop per dare la corretta attenzione alle problematiche acuitesi a carico del Tendine d’Achille, così da risolvere definitivamente una patologia che ha molto condizionato la mia preparazione di questi anni.
Dopo un intenso ciclo di PRP e una riabilitazione accurata, seguito passo passo da Mario Ruggiu, credo sia arrivato il momento di testare il tendine in gara. Ne ho parlato con Luca Lamera e Matteo Annovazzi, le anime di EcoRace Events e abbiamo deciso che il Triathlon Olimpico di Iseo, tappa prestigiosa del circuito del gruppo, sarebbe stato l’appuntamento giusto per il rientro. Conosco bene il percorso di gara perché lo scorso anno ho avuto l’opportunità di provarlo.
Il nuoto ha un percorso liscio e pulito che consentirà ai buoni nuotatori di fare la differenza. Il percorso di ciclismo è uno dei più belli che il calendario italiano sappia offrire, duro ma non esagerato, adatto per passisti e scalatori; tecnico ma non pericoloso, muscolare, divertente e panoramico. Anche la frazione podistica è paesaggisticamente spettacolare, con tre giri di un percorso cittadino, con curve e rilanci, ma tutto piatto. Nelle prime fasi io sarò sicuramente attento a ricercare l’elasticità muscolare per garantire il massimo comfort al tendine prima di provare a lasciar andare le gambe e frustare un po’ il ritmo. Staremo a vedere, sono molto ansioso di rimettermi un pettorale e di riprovare le emozioni per le quali mi alleno ogni giorno’.

Giu 1

Le incertezze che hanno condizionato Daniel alla vigilia dell’Half Ironman Brasilia e che lo hanno poi portato a non terminare la gara, sono le stesse che hanno indotto in questi giorni il suo staff a pensare di rivedere la pianificazione agonistica per la stagione in corso.

A inizio anno la programmazione gare stabilita con il coach Simone Diamantini, prevedeva dopo Ironman 70.3 Brasilia, il Triathlon Internazionale di Cannes, Ironman Brasile e Ironman 70.3 Italy.

Oggi questi piani sono stati rettificati in virtù dell’acutizzarsi di una problematica a carico del Tendine d’Achille, che ha portato il Dott. Benazzo, a capo dello staff medico che segue il Campione italo-argentino di DDS Triathlon Team, a suggerire una differente distribuzione dei carichi di lavoro e a spostare l’attenzione sulle gare della seconda metà della stagione.

 

‘Con il mio staff abbiamo accolto i suggerimenti del Dott. Benazzo e del Dott. Tavana di annullare gli appuntamenti agonistici programmati nei prossimi mesi. Abbiamo deciso di utilizzare questo periodo per dare la corretta attenzione alle problematiche acuitesi ora a carico del Tendine d’Achille, così da risolvere definitivamente una patologia che, pur con i prestigiosi traguardi raggiunti nelle ultime stagioni, ha molto condizionato la mia preparazione di questi anni, obbligandomi spesso a ridurre di molto i carichi soprattutto nel training per la frazione podistica. Questa sarà l’occasione perfetta per lavorare al meglio su alcuni aspetti della preparazione che i fitti calendari recenti, tra agonismo e impegni professionali di diversa natura, ci hanno obbligato a trascurare. L’impegnativo percorso di recupero e costruzione è iniziato da alcuni giorni e prevede, accanto alle terapie mediche, diverse ore di preparazione giornaliera in bici e a nuoto e un durissimo lavoro di rieducazione nel running. Il mio obiettivo è molto chiaro ed è quello di portarmi nelle condizioni migliori di sempre per raggiungere nuovi traguardi agonistici, senza compromessi quanto ad ambizioni’.

 

Daniel continuerà a essere comunque presente sui campi gara anche in queste settimane, come testimonial del prestigioso circuito Ecorace e come ambasciatore del triathlon e dello sport in molti eventi che vedono la partecipazione dei suoi main sponsor.

Mag 4

Ironman Italy e TYR aspettano Daniel a Pescara

Mancano ormai due settimane all’atteso Ironman Italy di Pescara e Daniel Fontana, che ha vinto la prima storica edizione di questa gara, non potrà essere sulla start line a causa dei problemi al tendine d’Achille che ne hanno condizionato le ultime settimane di preparazione. Il comitato organizzatore però non ha voluto privarsi della sua presenza e l’ha invitato, in collaborazione con TYR International, per una prova dimostrativa del percorso natatorio della gara, che si svolgerà nei giorni precedenti la competizione e che sarà raccontato per immagini dalle telecamere di SKY.

 

tyr

Nei laboratori Kuota una specialissima personalizzata per Daniel

I laboratori di Kuota stanno studiando insieme a Daniel un’esclusiva personalizzazione grafica del telaio della nuova Kalibur in uscita per il 2016 e che lui utilizzerà nella prossima stagione. La rinomata azienda di Villasanta, che affianca Daniel ormai da diverse stagioni, ha infatti voluto dedicare al campione italo-argentino un’edizione unica di questa specialissma, che riporterà sul telaio colori, logo e altre personalizzazioni scelte proprio dall’atleta.

 

Con Jollywear allo studio una linea di abbigliamento by Daniel Fontana

JOLLYWEAR dal 2001 produce abbigliamento sportivo personalizzato tecnicamente all’avanguardia soprattutto nel mondo del ciclismo e da quest’anno ha stretto una collaborazione personale con Daniel Fontana. Insieme al campione italo argentino infatti, l’azienda ha deciso di sviluppare dei capi tecnici dedicati al triathlon e al ciclismo, avvalendosi dell’esperienza di chi, come Daniel, da anni conosce lo sport professionistico e sa esattamente di cosa possono avere bisogno gli atleti in gara e in allenamento. La passione per lo sport e il continuo studio sull’innovazione tecnologica dei tessuti e della confezione dei capi, ha fatto si che si instaurasse immediatamente una perfetta sinergia tra Daniel e l’azienda e in occasione del Triathlon Internazionale di Cannes sono sfilati i primi prodotti realizzati.

‘Credo fortemente nel potenziale di questa azienda – ha precisato Daniel – e nella passione che guida chi la conduce e per questo ho scelto di mettere la mia esperienza e il mio know-how sportivo al loro servizio. Tutti i prodotti Jollywear sono disegnati e realizzati in Brianza, quindi totalmente made in Italy. Anche i tessuti sono prodotti in Italia, perchè la qualità rimane per uno sportivo, professionista o amatore, un fatto importante in tutto l’abbigliamento che utilizziamo quotidianamente’.

Un progetto di corporate wellness studiato su misura per BMW Bank Gmbh

BMW Bank Gmbh ha rinnovato quest’anno con Daniel l’accordo per la conduzione di un progetto di Corporate Wellness dedicato ai dipendenti. Il progetto, a cura di Daniel e del suo staff, si prefigge di continuare un cammino intrapreso con l’azienda nel corso del 2014, in focus sull’approfondimento di tematiche centrali del mondo del running, per la conservazione e il miglioramento del benessere fisico e mentale dei dipendenti.

Daniel Fontana:‘Mettere il benessere della persona al centro dell’attenzione, significa educare all’attività fisica, curare l’alimentazione e aumentare nelle persone l’autoconsapevolezza e il rispetto delle esigenze del proprio organismo. Agire sul cambiamento degli stili di vita individuali non è semplice. Non è sufficiente informare; bisogna motivare e accompagnare con programmi studiati e proposti da influencers che sappiano essere modello e stimolo. Le aziende che oggi capiscono questo, sono quelle che si assicurano una popolazione di dipendenti più sani, soddisfatti e performanti anche nel lavoro’.

Protagonista su ciclismo.it con Garmin

Con Daniel e grazie al supporto di Matteo Bortesi, Product marketing manager sport, fitness e outdoor di Garmin Italia, Ciclismo.it ha sfruttato le strutture del Centro Sportivo DDS di Settimo Milanese, dove Daniel abitualmente si allena, per stressare il Forerunner 920XT e testarne il funzionamento. Ne è derivato uno speciale molto ampio, curato dallo stesso Daniel sul website di Ciclismo.it, in cui Fontana racconta lo strumento e spiega in quale modo lo utilizza quotidianamente per il suo training.

www.ciclismo.it

Daniel Fontana con Brooks su Runner’s World dispensa consigli per iniziare a correre e non smettere più.

Continua l’avventura iniziata lo scorso anno sulle pagine di Runner’s World Italia e sul website del magazine con Corri con Daniel, il progetto interamente dedicato al mondo femminile della corsa e nel quale Daniel è il coach dedicato alle lettrici donne di Runner’s World, ma non solo. In collaborazione con Brooks Italia quest’anno Daniel è il #runningcoach che regala ai lettori degli interessanti spunti all’interno di brevi ma piacevolissimi video.

http://www.runnersworld.it/corri-con-daniel-runningcoach-1-runners-4647

Apr 4

foto-15 copia

L’edizione 2015 di Ironman 70.3 Brasilia si è conclusa anzi tempo per Daniel Fontana. Dopo una frazione di nuoto all’altezza delle attese e 90 km bike tra i più veloci di sempre per il plurititolato campione italo argentino, nella frazione di corsa il tendine d’Achille, che lo ha fortemente condizionato nelle ultime due settimane di training, lo ha costretto ad abbandonare la gara.

I riscontri nelle due frazioni di gara coperti sono stati molto buoni e una mezza maratona corsa ai ritmi abituali, avrebbe potuto portare Daniel a ridosso del podio, confermando così un’ottima condizione di forma per questo inizio stagione. Sceso dalla bici in sesta posizione però, l’atleta di DDS Triathlon Team ha provato a stringere i denti nella speranza che il dolore all’Achille desse tregua. Così non è stato e dopo circa sette km di frazione ha preferito rinunciare a correre quei 15 kilometri mancanti, che in quelle condizioni sarebbero stati veramente troppo lunghi.

 

‘Con il mio allenatore Simone Diamantini, sapevamo che ci sarebbe stato questo rischio -ha tenuto a precisare Daniel a fine gara-, ma abbiamo voluto provarci comunque, per non lasciare nulla di intentato. Gli ultimi riscontri in allenamento parlavano di una condizione organica molto buona e così ho provato a lasciare in un angolo la corsa per due settimana, in caccia del miracolo. Come nella maggior parte dei casi, il miracolo non si è compiuto. Al rientro in Italia inizierò le terapie già programmate nel pre partenza con il Dott. Tavana, che mi seguirà nel percorso di guarigione da questo noioso infortunio e con il suo aiuto spero di riuscire a recuperare in tempi brevi, per ripartire al più presto con gli appuntamenti agonistici già pianificati’.

Mar 20

 

Cannes, la località più cool della Costa Azzurra, si prepara anche quest’anno a ospitare una grande gara di triathlon. Il 18 e il 19 Aprile infatti, andrà in scena l’attesissimo spettacolo della seconda edizione del Cannes International Triathlon, con un programma gare molto fitto, la promessa di tanto divertimento e di sfide appassionanti grazie anche alla presenza di molti atleti Elite.

 

Tre le prove in programma nel weekend, con una gara di triathlon su lunga distanza (2km swim – 80km cycle ride – 16km run), una su distanza media (1km swim – 40km cycle ride – 8km run) e una gara di corsa di 10 km. I percorsi sono stati tracciati con l’obiettivo di regalare a ciascun partecipante l’esperienza unica di una gara vissuta attraverso paesaggi affascinanti e di grande suggestione. La partenza della frazione natatoria sarà data da Palm Beach, la frazione ciclistica attraverserà le incantevoli campagne della provenza con i suoi colori e profumi caratteristici, mentre la frazione di corsa si accenderà lungo il famoso Boulevard de la Croisette.

 

Nel 2014 per la prima edizione, sono arrivati a Cannes quasi 1200 atleti in rappresentanza di 20 paesi ; l’obiettivo per il 2015 è quello di raggiungere una line-up di oltre 2000 partecipanti, con una grande partecipazione internazionale. Il livello tecnico è stato altissimo già lo scorso anno, con la presenza di campioni del calibro di Frederik Van Lierde, vincitore alle Hawaiian nel 2013, Hervé Faure, Giulio Molinari, Nicolas Fernandez, Kris Coddens, Damien Favre e Charlotte Morel, accompagnati dai grandi dello sport francese come Richard Dacoury e Stéphane Diagana.

Quest’anno il parterre non è da meno e si attendono sulla start line tra le donne Jeanne Collonge (Winner EmbrunMan 2012/2013), Leanda Cave (vincitrice all’IM Hawaii 2012), Michelle Vesterby (8 ° IM hawaii 2012), Martina Dogana, Erika Cosmor, Charlotte Morel e Anne Tabarant.

 

La starting list maschile è da brividi. Saranno a Cannes tra gli altri, il tedesco Jan Frodeno (3 ° IM Hawaii 2014 / Vincitore Olimpiadi di Pechino 2008), Baert Aernouts (vincitore all’IM di Nizza 2014), Faris Al Sultan (Vincitore IM Hawaii 2005), Romain Guillaume (10 ° IM hawaii 2014), Daniel Fontana (Vincitore IM Los Cabos 2014), Fred Belaubre (5° Olimpiadi di Atene 2004/10° Olimpiadi di Pechino 2008), Giulio Molinari (campione europeo ETU), Matteo Fontana (Winner AG 18-24 IM 70.3 Mont Tremblant 2014) e Thomas André (Università World Triathlon Champion 2012).

Non solo grandi campioni del triathlon linea di partenza della gara; il pubblico potrà acclamare in gara anche personalità come il campione di atletica leggera Stéphane Diagana, l’ex cestista francese Richard Dacoury, i rugbisti Sébastien Viars e Thomas Castagnaide, oltre a star come Marc Toesca e Paul Belmondo.

 

Parola del testimonial italiano Daniel Fontana

 

 

‘Sarò in gara a Cannes perché conosco bene questa gara e la capacità tecnica del comitato organizzatore. Quest’anno ho scelto di essere testimonial del Cannes International Triathlon, accogliendo la richiesta degli organizzatori, perché credo nella promozione del triathlon a 360°. La Costa Azzurra è da sempre un’ambita meta turistica per gli italiani, della quale riconosciamo bellezza, classe, amenità dei luoghi e grande capacità di accoglienza. Credo che il triathlon, con il suo fascino e la sua grande capacità di seduzione degli amanti dello sport dio endurance, si sposi perfettamente con una location di eccellenza e charme come Cannes. Mi piacerebbe che fossimo in tanti dall’Italia a ritrovarci sulla start line di questa gara, anche per iniziare la stagione agonistica tutti insieme, in un periodo dell’anno nel quale da noi, per le temperature ancora proibitive, il calendario della triplice è ancora piuttosto fermo’.

Mar 5

PB_0497 copia

Dieci giorni tra Baratti e San Vincenzo per preparare Ironman 70.3 Brazil

Da domenica scorsa Daniel è in raduno a Bolgheri per dieci giorni di carico intenso in vista della prima uscita agonistica stagionale ad Ironman 70.3 Brazil, a Brasilia. La gara sarà valida come campionato sudamericano e per Daniel rappresenterà la prima occasione per accumulare punti per la qualifica al mondiale hawaiiano. Daniel resterà in terra toscana fino a domenica 22 marzo, quando rientrerà a Milano per l’ultima settimana di scarico prima della partenza.

 

Pioneer Investment si allena per la Milano Marathon con un trainer d’eccezione

È iniziato il cammino che porterà 25 dipendenti di Pioneer Investment a correre la Milano Marathon a staffetta. Ad accompagnare questo gruppo nel training ci sarà proprio Daniel che, in veste di special coach, settimanalmente lo guiderà con una tabella di allenamento mirata e con tanti consigli pratici e teorici su come affrontare al meglio questa avventura.

 

Protagonista su Runner’s World con Garmin

Con Daniel e grazie al supporto di Matteo Bortesi, Product marketing manager sport, fitness e outdoor di Garmin Italia, Runner’s World ha sfruttato le strutture del Centro Sportivo DDS di Settimo Milanese, dove Daniel abitualmente si allena, per stressare il Forerunner 920XT e testarne il funzionamento. Ne è derivato uno speciale molto ampio sulle pagine della rivista, in cui è Daniel stesso a raccontare lo strumento e a spiegare in quale modo lo utilizza quotidianamente per il suo training.

 

 

Mercoledì si corre a Firenze con Brooks Running

Grazie a Brooks Running, mercoledì 18 marzo Daniel sarà ospite a Firenze per guidare un folto gruppo di runners in un allenamento cittadino. L’appuntamento è previsto per le 19.00 in Piazza Duomo a Firenze presso Universo Sport, dove si aprirà la serata di training con un’intervista insieme al coach Fulvio Massini per i microfoni di Radio Toscana.

 

Daniel Fontana, dalle pagine di Runner’s World continua ad essere il tuo coach speciale per iniziare a correre e non smettere più. Pronta al primo passo?

Non hai mai corso? Pensi di non essere in grado? Ti sbagli, basta avere il coach giusto e seguire pochi semplici consigli. Continua l’avventura iniziata lo scorso anno sulle pagine di Runner’s World Italia e sul website del magazine con Corri con Daniel, il progetto interamente dedicato al mondo femminile della corsa e nel quale Daniel sarà il nuovo coach dedicato alle lettrici donne di Runner’s World. Nel contesto della rubrica D Run, rivolta all’universo in rosa Daniel accompagna, ogni mese, le donne che vogliono provare ad iniziare a correre.

http://www.runnersworld.it/corri-con-daniel-runners-4214